Scegli la tua camera

Invia una richiesta di prenotazione

Giacomo Grosso

Camera superior con ambiente caldo e raffinato caratterizzato da una tappezzeria di alta fattura che la rende unica.
Gli arredi dell’epoca, il parquet a terra e una veduta su due lati rendono ancora più significativa l’esperienza in questa camera.

Il Pittore

Nono degli undici figli del falegname cambianese Guglielmo Grosso e di Giovanna Vidotti, dopo aver abbandonato gli studi al seminario diGiaveno si diplomò all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino, divenendone professore di pittura nel 1889. La sua tecnica accademica e il suo conservatorismo stilistico gli garantirono un grande successo presso la clientela aristocratica e dell’alta borghesia, e gli fecero ottenere numerosi premi e riconoscimenti. Espose in tutta Europa, frequentò spesso Parigi e nel 1908 fu a Buenos Aires con l’allievo Carlo Gaudina per realizzare un ciclo di decorazioni. Una sua mostra personale con oltre cinquanta opere fu presentata da Leonardo Bistolfi alla Galleria Pesaro di Milano nel 1926.
Fu nominato senatore del Regno il 2 marzo 1929. Visse a Torino dove si sposò ed ebbe due figli. È sepolto nel Cimitero monumentale di Torino.
Eseguì ritratti dei reali, di Benedetto XV, di Giovanni Agnelli, di Toscanini e di Puccini.